Chi siamo

Con una storia di oltre 60 anni alle spalle, la Fondazione OIC ha sempre rappresentato un punto di riferimento per l’accoglienza delle persone fragili. Nata per rispondere all’esigenza di sei anziane domestiche, nella sua evoluzione la Fondazione ha sempre volto la sua attenzione al soddisfare le esigenze delle persone in stato di difficoltà o di fragilità: prima le persone anziane – marginalizzate dalla società perché ritenute non più produttive – e successivamente i bambini in età prescolare – la cui crescita è oggi fortemente influenzata dalle tempistiche frenetiche della quotidianità – ed infine i disabili giovani, una risorsa di coesione sociale molto preziosa e di forte rappresentatività di valori. 

Il mettere insieme e rispondere a esigenze diverse si è dimostrato essere una scelta vincente, sia dal punto di vista dell’offerta di servizi di accoglienza sia dal punto di vista della creazione di opportunità di aggregazione tra individui. Gli anziani recuperano un nuovo e diverso ruolo produttivo come generatori di relazione, umane connessioni tra persone e generazioni.

In questo senso diventa oggi un ulteriore naturale passaggio per la Fondazione ampliare la propria offerta verso la dimensione domiciliare, con l’obiettivo di portare l’esperienza e l’accoglienza tipica della Civitas Vitae nelle case delle persone che si trovano – anche solo temporaneamente – in situazione di fragilità. Una proposta che si basa sul mantenimento e il recupero delle capacità individuali, ma anche sull’utilizzo della tecnologia come strumento per migliorare la propria autonomia e porre fine alle forme di solitudine.